• Sign up for our monthly updates, news and special offers Click here

Benoot si aggiudica la gara più #BeTOUGH dell’anno sulla sua Helium SLX

La sua prima vittoria assoluta da professionista sulla epica Strade Bianche
Tiesj Benoot ha vinto la Strade Bianche a Siena, considerata la corsa più #BeTOUGH dell'anno. Il ventitreenne Belga ha vinto una battaglia uomo a uomo contro l'abile Romain Bardet e il campione mondiale di ciclocross Wout Van Aert. Una vittoria di cui essere veramente fieri!

La competizione delle Strade Bianche si svolge in una delle mete turistiche italiane più celebri, la Toscana. Ma il panorama che questa regione è in grado di offrire durante la stagione estiva era pressoché irriconoscibile in questo periodo dell'anno. Due giorni prima dell’inizio della gara, il percorso era completamente ricoperto dalla neve. Con l’aumento delle temperatura tra venerdì e sabato il manto nevoso si è sciolto, ma le strade bianche si sono trasformate in percorsi di fango giallastri. Il tutto si è così trasformato in una competizione epica. Una che verrà ricordata a lungo. La posta in gioco era alta.

Se si dà uno sguardo all'elenco dei partecipanti, ogni rider che ambiva a vincere la corsa sapeva che avrebbe dovuto dare il massimo. Erano presenti ciclisti delle Classiche come Sagan, Kwiatkowski e Van Avermaet, ma anche rider del Grand Tour dal profilo elevato come Valverde e Bardet hanno partecipato alla gara e puntato al podio. L’uomo della Lotto Soudal di questa sfida è stato Tiesj Benoot, che si era aggiudicato l’ottavo posto nei due anni precedenti.

Diversamente dalle altre corse classiche nelle Fiandre, il “finale” della competizione inizia a 20 chilometri dal termine. Tutti i favoriti hanno dovuto trovarsi in una buona posizione sin dall’inizio della prima sezione su ghiaia. Ed è diventato uno scontro uomo a uomo fino al traguardo a Siena. Il gruppo si era già diviso in due subito dopo i primi chilometri su sterrato. E le Strade Bianche hanno continuato a separare i ciclisti da lì in poi. A circa 55 km dal traguardo, il gruppo dei favoriti è andato in testa. Benoot si trovava nel gruppo degli inseguitori, ma è riuscito a raggiungerli con altri rider, tra i quali Sagan e Stybar. La composizione del gruppo di testa si è modificata continuamente a causa del terreno collinoso e invaso dal fango. I rider si sono riavvicinati perdendo di nuovo del tempo. Un vero e proprio campo di battaglia.

Quando Romain Bardet è saltato dal gruppo di inseguitori in testa, ha immediatamente attaccato ancora una volta e ha raggiunto Van Aert. Entrambi i ciclisti hanno distaccato i favoriti che avrebbero potuto vincere la gara. Solo Benoot e Serry, un altro Belga che ha guadagnato terreno, sono passati al contrattacco. Benoot ha distaccato Serry e si è avvicinato a Bardet e Van Aert. Sull’ultima sezione sterrata Benoot ha attaccato lasciandosi alle spalle i suoi compagni. Il distacco era abbastanza marcato quando è entrato a Siena e ha così potuto celebrare la sua prima vittoria da professionista in una competizione di quelle che contano davvero. Con il volto completamente ricoperto di fango ha superato il traguardo aggiudicandosi la vittoria delle Strade Bianche come successore di Kwiatkowski, Cancellara, Stybar e Gilbert.

Il team Lotto Soudal e Tiesj Benoot hanno vinto la competizione più #BeTOUGH dell’anno!

Guarda lo scatto #BeTOUGH di Benoot qui

Scopri la nostra gamma di Helium